Anno 2016 – Giorno 1 

Iniziare l’anno con qualcosa di bello e di buono. Nei pensieri e nei fatti. Non potevo sperare in niente di meglio. E così è stato. 
Una notte, quella dell’ultimo dell’anno, passata con mia figlia di (ormai) 6 anni. Ad ascoltare musica, cantare, guardare E.T. e poi i fuochi d’artificio. 
È stato il primo anno in cui si è resa conto di quello che succedeva fuori dalla finestra. Guardava i fuochi incantata e insieme a lei li guardavano anche i gatti (ma non dicevano che avrebbero avuto paura??). Era stupenda. 
Come era stupenda al risveglio. Un sorriso beato. Era dove voleva essere e con chi voleva essere. E anche io. E mi sono goduta quel sorriso per un po’. 
Poi i messaggi di auguri di mia figlia più grande, il ‘ti voglio bene’ di mio figlio. Mi sono goduta anche quelli. 
Perché in fondo non mi importa avere altro. Ho tre figli meravigliosi. Sono fiera di loro. E so che saranno giorni magnifici ogni volta che potrò godere di loro, dei loro sorrisi e delle loro parole. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *